top of page
Quanta musica si puo fare con quello che resta?
Quanta musica si puo fare con quello che resta?

vie, 26 may

|

Roma

Quanta musica si puo fare con quello che resta?

Laboratorio di Pratica di Lavoro Organico e Clown condotto da Maia Cornacchia e Rodrigo Morganti Il corpo ricorda e ci insegna a lasciar andare per far spazio alla vita 26, 27 e 28 maggio 2023 Venerdì dalle 18,30 alle 21:30, Sabato dalle 10:00 alle 18:30 e Domenica dalle 10 alle 14.

Ora e luogo

26 may 2023, 18:30 – 28 may 2023, 14:00

Roma, Via Francesco Negri, 65, 00154 Roma RM, Italia

A proposito dell'evento

"Una e la medesima è la meditazione sul ben vivere e sul ben morire" diceva Epicuro. Per diventare quello che siamo abbiamo bisogno di addestrarci a vedere l'intreccio di luce e buio, dolore e gioia, sofferenza e piacere, vita e morte. Abbiamo bisogno di accogliere il lavoro della morte che fa spazio alla vita. Da bambini lo sapevamo senza sapere di saperlo e lasciavamo che la vita si scrivesse nei nostri corpi trascinandoli, a tratti, nella sua danza… e noi? Il corpo ricorda

Nel momento della perdita, il dolore può renderci sgombri. Abbatte la volontà di potenza, l’illusione del controllo, le innumerevoli consolatorie certezze a cui ci aggrappiamo e ci lascia in contatto con il mistero dell’ignoto. Possiamo tentare di ricoprire con il velo del noto quello che mette in scacco il nostro presunto sapere. Ma possiamo anche poggiare il piede incerto su quella terra smossa dalla furia degli elementi e metterci in ascolto. Aprirci all’ascolto di quello che c’è, dire di sì all’ignoto, fidandoci di quel sapere organico che ci com-prende, ancora una volta, nel movimento della vita e che suggerisce al nostro clown di lavorare sull’accettazione, la trasformazione e la fiducia nella sorprendente vitalità delle nostre risposte.

Maia Cornacchia (Bologna 1949), Analista biografico a orientamento filosofico, dal 1972 svolge attività di ricerca e formazione in Pratica di Lavoro Organico: un esercizio di ascolto che si colloca nel solco originario di tradizioni diverse, un tentativo di mettere in pratica la Filosofia per cogliere lo straordinario nell’ordinario dell’esperienza quotidiana. Opera in sedute individuali e di gruppo anche a mediazione corporea. Socia fondatrice e docente di Philo si occupa di formazione in vari contesti fra cui la Fondazione Gigi Ghirotti di Genova.

Rodrigo Morganti (Milano 1973), clown, clown d’ospedale, co-fondatore del progetto dei Giullari senza Frontiere, col quale ha partecipato a svariate missioni in tutto il mondo. Dal 1995 al 2016 ha lavorato per la Fondazione Theodora, come Clown-Dottore e Coordinatore Artistico. E' anche formatore a livello internazionale (Libano, Danimarca, Turchia, Bulgaria…) sia di Clown che di Clown d’ Ospedale.

Biglietti

  • Base

    si può prenotare e pagare il resto all'accoglienza o l'intera somma sul sito con una piccola tariffa di servizio

    De 50,00 € a 150,00 €
    • 50,00 €
      Comisión de servicio: +1,25 €
    • 150,00 €
      Comisión de servicio: +3,75 €

Total

0,00 €

Condividi quest'evento

bottom of page